Torna all'inizio
Guida alla Lettura
indietro<Trame e Personaggi> TC>Tibullo Indice del poema
Itinerario trionfale
Testo

Questioni testuali
Vicende compositive
Varianti d'autore
Geografia petrarchesca

Esegesi
Edizioni commentate
Questioni

Biblioteca
Rime estravaganti
Altri testi
Testi non petrarcheschi

Bibliografia

Albio Tibullo

Poeta latino (55/50-19 ca. a. C.). Discendente di una famiglia equestre del Lazio, i cui possedimenti erano stati in gran parte confiscati per essere spartiti tra i veterani della battaglia di Filippi, Tibullo si trasferì in giovane età a Roma. Nella capitale entrò a far parte del circolo letterario filo-repubblicano di Messalla Corvino, che il poeta seguì in una spedizione militare in Aquitania nel 31-30 ed in un'altra, in Oriente, interrotta per malattia a Corfù. All'interno del Corpus tibullanium, che raccoglie in tre libri di elegie tutto quanto la tradizione letteraria ha tramandato sotto il nome di Tibullo, sono certamente autentici i primi due libri, composti, rispettivamente, da 10 e da 6 elegie che cantano gli amori del poeta per Delia (che nella realtà si chiamò, forse, Plania) e per Nemesi, nonché l'aspirazione di Tibullo alla pace agreste e il suo orrore per la guerra, la politica e i commerci. Probabilmente autentiche sono anche le ultime due elegie del terzo libro. Sicuramente spuri, invece, gli altri componimenti e cioè: le 6 elegie del poeta Ligdamo (forse uno pseudonimo di Ovidio), che canta il suo amore infelice per Neera; il Panegyricus Messallae e gli 11 carmi della poetessa Sulpicia amante di Cerinto. Noto a Petrarca quasi sicuramente attraverso un florilegio (cfr. Sabbadini 1906, p. 385; Nolhac 1907, I, pp. 173-76; Bosco 1942, p. 215; Ullman 1955, pp. 192-95), Tibullo è citato qualche verso prima di Properzio in BC X 204-6, mentre con Catullo, Properzio ed Ovidio forma il canone degli elegiaci latini di TC IV 22-24; TF IIa 82-84; Fam. IX 4, 14 e Rem. I 69 (Prose, p. 626).