Torna all'inizio
Guida alla Lettura
indietro<Trame e Personaggi> TP>Sulpicia Indice del poema
Itinerario trionfale
Testo

Questioni testuali
Vicende compositive
Varianti d'autore
Geografia petrarchesca

Esegesi
Edizioni commentate
Questioni

Biblioteca
Rime estravaganti
Altri testi
Testi non petrarcheschi

Bibliografia

Sulpicia

Matrona romana, celebre per la sua pudicizia. Secondo il racconto di Valerio Massimo VIII 15, 12; Plinio il Vecchio VII 35, 120 e Solino I 126 fu scelta per consacrare una statua a Venere Verticordia. Petrarca la cita in TP 179-180 in relazione all'edificazione di un tempio dedicato, su indicazione della Sibilla Cumana, alla stessa dea per restaurare l'antica pudicizia (cfr. Ovidio, Fasti IV 157-60): "nel tempio pria che dedic̣ Sulpitia / per spegner ne la mente fiamma insana".