Torna all'inizio
Guida alla Lettura
indietro<Trame e Personaggi> TC>Scilla Indice del poema
Itinerario trionfale
Testo

Questioni testuali
Vicende compositive
Varianti d'autore
Geografia petrarchesca

Esegesi
Edizioni commentate
Questioni

Biblioteca
Rime estravaganti
Altri testi
Testi non petrarcheschi

Bibliografia

Scilla

La ninfa Scilla, amata dal pescatore Glauco, fu trasformata dalla gelosa Circe in mostro marino e poi in una rupe che, fissata sulla costa calabres,e difronte al vortice di Cariddi, costituiva un pericolo mortale per i naviganti nello stretto di Messina (cfr. Ovidio, Met. XIV 72-74: "mox eadem Teucras fuerat mensura carinas, / ni prius in scopulum, qui nunc quoque saxeus extat, / transformata foret; scopulum quoque navita vitat"). In TC II S. citata in relazione a Glauco come "colei cui sola [il pescatore] par che pregi" (v. 173) e alcuni versi pi avanti in relazione alla sua trasformazione rupestre: "... invece d'osse / Scilla indurarse in petra aspra ed alpestra, / che del mar ciciliano infamia fosse" (178-80). Insieme a Cariddi, invece, seguendo una tradizione che annovera, tra gli altri, Virgilio (Aen. III 420-32 e 684; VII 302-3), Ovidio (Am. II 11, 18; Met. VII 62-65; XIII 730-31) e Properzio (II 26, 53-54; III 12, 28), citata in TC II 27; RVF 189, 3; Epyst. I 4 102-4; III 32, 52; Fam I 7, 5; VII 12, 18; IX 13, 25; XV 3, 8; XXIII 4, 3; Rem. I 93, p. 94; II 90, p. 206; It. 43 e nella dispersa Quella che 'l giovenil meo core avinse 12.