Torna all'inizio
Guida alla Lettura
indietro<Trame e Personaggi> TC>Procne Indice del poema
Itinerario trionfale
Testo

Questioni testuali
Vicende compositive
Varianti d'autore
Geografia petrarchesca

Esegesi
Edizioni commentate
Questioni

Biblioteca
Rime estravaganti
Altri testi
Testi non petrarcheschi

Bibliografia

Procne (o Progne)

Personaggio della mitologia greca. Figlia del re ateniese Pandione, sposa del tracio Tereo. Per punire il marito che le aveva sedotto con la forza la sorella Filomela, Procne gli diede in pasto le carni del figlioletto Iti. A salvarla dall'ira di Tereo intervennero gli di, che la trasformarono in rondine, mentre la sorella fu mutata in usignolo. Una versione pi antica del mito, di origine attica (accolta tra i latini dai soli Catullo LXV 13-14 e Varrone, De lingua latina V 11, 76), attribuisce a Filomela la metamorfosi in rondine e a Procne quella in usignolo. A questa versione, reperita presumibilmente in antiche compilazioni di mitografia, si attiene anche Dante in Purg. IX 13-15 e XVII 19-20. L'altra versione, invece, attestata nella letteratura latina per la prima volta da Virgilio (cfr. Geor. IV 15 e 511; in Ecl. VI 78-81 si parla solo della metamorfosi di Tereo in upupa) ed ambiguamente seguita da Ovidio: il poeta di Sulmona, infatti, che in Met. VI 421-674 non d indicazioni sugli uccelli nei quali furono trasformante le Pandionidi, assegna a Procne la trasformazione in rondine in Ars II 383-84 e quella in usignolo in Her. XV 154. Alla versione virgiliana si attengono entrambe le allusioni al mito di Procne e Filomela reperibili in Petrarca: TC IV 130-32 "Era ne la stagion che l'equinotio / fa vincitore il giorno, e Progne riede / con la sorella al suo dolce negotio" e RVF 310, 3 "e garrir Progne et pianger Philomena".