Torna all'inizio
Guida alla Lettura
indietro<Trame e Personaggi> TC>Orfeo Indice del poema
Itinerario trionfale
Testo

Questioni testuali
Vicende compositive
Varianti d'autore
Geografia petrarchesca

Esegesi
Edizioni commentate
Questioni

Biblioteca
Rime estravaganti
Altri testi
Testi non petrarcheschi

Bibliografia

Orfeo

Poeta mitologico greco, originario della Tracia, figlio di Eagro e di una driade (o secondo una tradizione più tarda, di Apollo e della musa Calliope). Ricevette la cetra in dono da Mercurio, suo inventore. Capace di ammansire, con la soavità del suo canto, le bestie feroci, nonché di muovere i sassi e le piante e di arrestare il corso dei fiumi, partecipò secondo Stazio (Theb. V 344) alla spedizione degli Argonauti. Virgilio (Georg. IV 454-527) e Ovidio (Met. X 1-85) raccontano che grazie alle sue doti di musico e di poeta ottenne da Persefone, custode degli Inferi, il permesso di ricondurre in vita la moglie Euridice, a patto che non si voltasse indietro a guardala finché non fossero usciti dal regno dei morti. Dopo aver perduto definitivamente Euridice per aver violato le condizioni imposte da Persefone, Orfeo trascorse vita celibe e misogina, attirandosi l'odio delle Baccanti che finirono per sbranarlo e gettarne le membra nel fiume Ebro (Virgilio, Geor. IV 454-527; ps.-Virgilio, Culex 268-94; Ovidio, Met. XI 1-85 e XI 1-66). Petrarca rievoca il mito di Orfeo e di Euridice, senza mai far riferimento alla tragica morte del poeta, in molteplici luoghi delle sue opere: Afr.VI 55-56; Secr. III, p. 172; Fam. XII 9, 5; Sen. IX 1, p. 941; XV 3, pp. 1034-35, e soprattutto RVF 332, 51 e TC IV 13-15 ("vidi colui che sola Euridice ama, / e lei segue a l'inferno, e, per lei morto, / con la lingua già fredda ancho la chiama"). Lo stesso mito è leggibile, in filigrana, nell'ultima 'metamorfosi' della canzone 323 (vv. 61-71). Insieme ad Omero Orfeo è citato in TC IV 93 e con Omero e Virgilio in RVF 187, 9-10. In Vit. sol. II XII, p. 528, inoltre, Orfeo è ricordato come predecessore di Omero insieme a Lino e Museo: la terna dei poeti mitici deriva, probabilmente, da un paio di luoghi agostiniani (De civitate Dei XVIII XIV e XXXVII) e dal commento tomistico alla Metafisica di Aristotele (I lect. IV 83). Per la dolcezza suadente del suo canto, infine, Orfeo è menzionato in Fam. VIII 10, 25; BC X 147-51; Epyst. III 15, 1-4.