Torna all'inizio
Guida alla Lettura
indietro<Trame e Personaggi> TC>Niso Indice del poema
Itinerario trionfale
Testo

Questioni testuali
Vicende compositive
Varianti d'autore
Geografia petrarchesca

Esegesi
Edizioni commentate
Questioni

Biblioteca
Rime estravaganti
Altri testi
Testi non petrarcheschi

Bibliografia

Niso

Personaggio mitologico, re di Megara. Morì ucciso dalla figlia Scilla che, per amore di Minosse, allora intento all'assedio della città, gli strappò dalla testa il capello purpureo a cui erano legate le sorti del regno. Trasformato in sparviero, si diede all'inseguimento della figlia, la quale era stata a propria volta mutata in allodola mentre correva dietro alla nave di Minosse, dal quale era stata respinta (cfr. Ovidio, Met. VIII 1-151; Virgilio, Geor. I 404-9; ps.-Virgilio, Ciris; Boccaccio, A.V. XXIV 70-88). N. è citato da P. come padre di Scilla in TC II 163-64 ("E vidi la crudel figlia di Niso / fuggir volando ..."), mentre sotto le spoglie di sparviero è ricordato, insieme a Scilla-allodola, in Epyst. I 4, 36-38: "nec que purpureum patris secuisse capillum / dicitur, assurgens tremulo sub nubila cantu, ut procul ultorem speculetur ab ethere Nisum".