Torna all'inizio
Guida alla Lettura
indietro<Trame e Personaggi> TF>Marco G. Bruto Indice del poema
Itinerario trionfale
Testo

Questioni testuali
Vicende compositive
Varianti d'autore
Geografia petrarchesca

Esegesi
Edizioni commentate
Questioni

Biblioteca
Rime estravaganti
Altri testi
Testi non petrarcheschi

Bibliografia

Marco Giunio Bruto, detto Bruto Minore

Politico romano (85-42 a. C.). Nipote adottivo di Cesare, guiḍ insieme a Cassio la congiura anticesariana del 44. Sconfitto da Ottaviano ed Antonio nella battaglia di Filippi (42), si suiciḍ per non cadere nelle mani del nemico (cfr. Livio, Per. CXX e ps.-Plinio, Vir. ill. 82). Conformente alle oscillanti valutazioni su Cesare, anche i giudizi petrarcheschi sul suo uccisore variano, nel tempo, tra il biasimo espresso in Sen. VIII 3, p. 923 e in Gest. Ces. 26, 24-26 e le lodi formulate in Inv. mal. 30. Citato insieme a Bruto Maggiore in TF I53 e in Var. 48, 121-24.