Torna all'inizio
Guida alla Lettura
indietro<Trame e Personaggi> TF>M. Curio Dentato Indice del poema
Itinerario trionfale
Testo

Questioni testuali
Vicende compositive
Varianti d'autore
Geografia petrarchesca

Esegesi
Edizioni commentate
Questioni

Biblioteca
Rime estravaganti
Altri testi
Testi non petrarcheschi

Bibliografia

Manio Curio Dentato

Console romano, morto nel 240 a. C. Vincitore dei Sanniti, dei Sabini, dei Lucani e dei Galli Senoni, sconfisse nel 275 a Benvento il re dell'Epiro Pirro. La proverbiale frugalitÓ di Curio, che rifiut˛, fra l'altro, i doni a lui offerti dai Sanniti (cfr. Cicerone, De sen. XVI 55; Valerio Massimo IV 3, 5; Seneca, Cons. ad Helviam X 8; Plinio il Vecchio XIX 26, 87; ps.-Plinio, Vir. ill. 33), Ŕ ricordata da Petrarca in Epyst. II 18, 45; III 29, 62-65; Fam. III 7, 6; Sen. XV 3, pp. 1033-34, oltre che nella biografia a lui dedicata (Vir. ill. XIII "De Marco Curio Dentato") e in TF I 55-56. In quest'ultimo luogo (come del resto anche in TF Ia 29; Rem. I 37; Fam. IV 8, 4 e IX 11, 8) Curio Ŕ citato in coppia con Caio Fabrizio Luscino, anch'egli celebre per la sua morigeratezza, secondo una consolidata tradizione letteraria (cfr., ad esempio, Cicerone, De sen. VI 15; De am. V 18; Par. stoic. I 2, 12; Orazio, Carm. I 12, 40-41; Lucano X 152; Floro I 13, 21-22; Girolamo, Adv. Iov.II 11 (PL XXIII, col. 301); Dante, Conv. IV V 13). In Fam. VII 3, 7 e in TF I 55 Curio e Fabrizio sono contrapposti a due exempla topici di aviditÓ, quali Mida e Crasso.