Torna all'inizio
Guida alla Lettura
indietro<Trame e Personaggi> TC>David Indice del poema
Itinerario trionfale
Testo

Questioni testuali
Vicende compositive
Varianti d'autore
Geografia petrarchesca

Esegesi
Edizioni commentate
Questioni

Biblioteca
Rime estravaganti
Altri testi
Testi non petrarcheschi

Bibliografia

David

Secondo re d'Israele della trib¨ di Giuda (1004 ca.-961 a. C.). Figlio del pastore Jesse, dopo aver abbattuto il gigante dei Filistei Golia (cfr. I Sm 17), spos˛ Mic˛l, figlia del re Saul, dal quale fu poi perseguitato. Dopo esser stato consacrato re dal profeta Samuele, si trasferý a Gesusalemme, che conquist˛ ai Gebusei. Successivamente combattÚ contro i Filistei. Innamoratosi di Betsabea, moglie di Uria, per poterla sposare fece in modo che il marito morisse in guerra. Rimproverato dal profeta Natan per il suo adulterio (dal quale nacque il figlio Salomone), D. si pentý amaramente (cfr. II Sm 11, 1-12; Ps 50, 2; ma anche Dante, Par. XXXII 11-12). La sua vecchiaia fu amareggiata dalla ribellione del figlio Assalonne. Fu autore di 49 salmi compresi nelle Sacre Scritture. Oltre che in Vit. sol. II X, p. 508, P. cita D. in relazione al suo adulterio con Betsabea in TC III 40-42 ("Poi vedi come Amor crudele e pravo / vince Davýt, e sforzalo a far l'opra / onde poi pianga in loco oscuro e cavo") e a proposito della sua vittoria su Golia in TP 100-103 (episodio rievocato incidentalmente anche in RVF 44, 5 e Sen. XII 2, p. 1004). All'intenzione di D. (abbandonata per ordine di Natan: cfr. II Sm 7 e I Par 17), di costruire il tempio di Gerusalemme per custodirvi l'arca della Santa Alleanza (per cui cfr. anche Dante, Purg. X 64-72), si riferisce TF II 55-56, mentre alla produzione di salmi del re d'Israele (produzione alla quale P. si ispir˛ nei suoi Ps. pen. e che lod˛ in BC I 53-109; Fam. X, 4 6 e 28-32; XXII 10, 7 e 11) si riferiscono TF Ia 157 ("Vidi Davýt cantar celesti versi") e TF IIa 56-57 ("... un solo / che cantava canzon vera e non finta").