Torna all'inizio
Guida alla Lettura
indietro<Trame e Personaggi> TC>Circe Indice del poema
Itinerario trionfale
Testo

Questioni testuali
Vicende compositive
Varianti d'autore
Geografia petrarchesca

Esegesi
Edizioni commentate
Questioni

Biblioteca
Rime estravaganti
Altri testi
Testi non petrarcheschi

Bibliografia

Circe

Personaggio mitologico, figlia del Sole e della ninfa Perse, nonché sorella di Eeta, re della Colchide. Dotata di poteri magici, trasformò in mostro marino la ninfa Scilla, sua rivale in amore, e in picchio il re Pico che l'aveva respinta. Sulla sua isola Eèa, prospiciente il monte Circeo, nel Lazio, accolse Ulisse e i suoi compagni, trasformandoli in porci. Sottrattosi all'incantesimo grazie ad un infuso di erbe donatogli da Hermes, Ulisse costrinse la maga a restituire sembianze umane ai suoi compagni, restando poi con lei per un anno intero (cfr., oltre a Od. X-XII, Ovidio, Ars, II 103-4; Rem. am. 263-88; Met. XIV 308; Dante, Inf. XXVI 91-92). Citata in TC II come "amante acerba e fera" di Glauco (v. 174) e come autrice dell'incantesimo che trasformò in uccello Pico (v. 176), C. compare anche in TC III come colei che impedì a Ulisse di ritornare in patria da Penelope (v. 24).