Torna all'inizio
Guida alla Lettura
indietro<Trame e Personaggi> TC>Catullo Indice del poema
Itinerario trionfale
Testo

Questioni testuali
Vicende compositive
Varianti d'autore
Geografia petrarchesca

Esegesi
Edizioni commentate
Questioni

Biblioteca
Rime estravaganti
Altri testi
Testi non petrarcheschi

Bibliografia

Caio Valerio Catullo

Caio Valerio Catullo (87 ca. - 55 ca.), poeta latino. Di origine veronese, si trasferì a Roma nel 60-61, dove entrò a far parte del circolo dei neoteroi, stringendo amicizia con Licinio Calvo, Elvio Cinna e Ortensio Ortalo. Conobbe e cantò con il nome di Lesbia quella stessa Clodia, sorella del tribuno Clodio e moglie di Quinto Metello Celere, della quale Cicerone delineò un fosco ritratto nell'orazione Pro Caelio. Scrisse un Liber di 116 carmi, diviso in tre parti: la prima e la terza sono formate da brevi componimenti polimetri e da epigrammi in distici elegiaci (le cosiddette nugae, carmi 1-60 e 69-116), la seconda contiene otto carmina docta (61-68, tra i quali due epitalami, il poemetto Attis, l'epillio per le nozze di Teti e Peleo, la traduzione in esametri della Chioma di Berenice di Callimaco e un'elegia epistolare). La conoscenza da parte di Petrarca dell'opera di Catullo, trasmessa da un antico codice della Biblioteca Capitolare di Verona, è stata messa in dubbio da alcuni studiosi (cfr., ad esempio, Bosco 1942, pp. 205-14) e persuasivamente affermata da altri (tra i quali Sabbadini 1906, p. 381; Nolhac 1907, I, pp. 165-70; Ullman 1955, p. 195-200; ma cfr. anche Tristano 1974, pp. 414-15; Chirilli 1975, p. 69, n. 91; Di Benetto 1987). In particolare Billanovich 1988 fa risalire la scoperta del poeta latino al soggiorno di Petrarca a Verona, nell'estate del 1345. Molti sono i luoghi petrarcheschi nei quali Catullo è citato insieme agli altri maggiori elegiografi latini, cioè Tibullo, Properzio e Ovidio: TC IV 22-24; TF IIa 82-84; Fam. IX 4, 14 e Rem. I 69 (Prose, p. 626). Con Properzio ed Ovidio, ma senza Tibullo, Catullo compare in Epyst. III 30, 19-21 e Rem. II 125, p. 245. All'origine veronese del poeta, della quale poté essere informato da Ovidio, Am. III 15, 7 e da Girolamo, Chron., a. A. 1930 (PL XXVII, coll. 527-28), Petrarca fa riferimento in RVF 166, 4; Epyst. II 10, 67; III 30, 19; Fama quidem (al veronese Rinaldo Cavalchini), 19-20; Rem. I 59, p. 69 e II 125, p. 245; mentre in altri due passi (TF IIa 82-83 e BC X 53-54) la località d'origine del poeta latino è indicata con un toponimo, "Campo Marzio veronese" (TF IIa 83), che, senza allusioni a Catullo, ritorna in Epyst. III 20, 8-10 (ma anche in Fazio degli Uberti, Ditt.III III 58-60).