Torna all'inizio
Guida alla Lettura
indietro<Trame e Personaggi> TF>Catilina Indice del poema
Itinerario trionfale
Testo

Questioni testuali
Vicende compositive
Varianti d'autore
Geografia petrarchesca

Esegesi
Edizioni commentate
Questioni

Biblioteca
Rime estravaganti
Altri testi
Testi non petrarcheschi

Bibliografia

Lucio Sergio Catilina

Politico romano (I secolo a. C.). Presentatosi alle elezioni consolari del 63 a. C. con un programma decisamente radicale, fu ostacolato dall'oligarchia senatoria. Preparņ allora una congiura che fu scoperta e denunciata al senato dal console neoeletto, Cicerone, che in quell'occasione scrisse le quattro celebri orazioni, dette Catilinariae. Costretto alla fuga, Catilina riparņ in Etruria, dove fu sconfitto e ucciso dalle truppe repubblicane presso Pistoia (cfr. Cicerone, Cat.; Sallustio, Catil. con.). Petrarca lo colloca nel corteo di TF I, presentandolo, sull'esempio di quanto avevano fatto Plinio il Vecchio VII 28, 104 e Solino I 105, come l'indegno discendente di Marco Sergio (v. 108). Il ruolo svolto nella vicenda di Catilina da Cicerone č ricordato da Petrarca in Mem. II 17, 3; Fam. XIX 18, 31; XXIV 3, 7.