Torna all'inizio
Guida alla Lettura
indietro<Trame e Personaggi> TF Ia>Agrippa Indice del poema
Itinerario trionfale
Testo

Questioni testuali
Vicende compositive
Varianti d'autore
Geografia petrarchesca

Esegesi
Edizioni commentate
Questioni

Biblioteca
Rime estravaganti
Altri testi
Testi non petrarcheschi

Bibliografia

Agrippa

Trovatore provenzale (1175 ca. - 1225 ca.). Nato a Tolosa da una famiglia borghese originaria di Peguilhan, nell'Alta Garonna, fu esiliato per una controversia amorosa. Fu al servizio, successivamente, di Alfonso IX di Castiglia, Guglielmo IV di Monferrato, Azzo VI d'Este e Guglielmo Malaspina. La tradizione vuole che morisse eretico in Lombardia. Appartenente alla generazione trobadorica dell'esilio, Aimeric de Peguilhan indirizzò versi all'imperatore Federico II e scambiò componimenti con Sordello. Il suo corpus poetico comprende una quarantina di canzoni, cinque o sei fra tenzoni e partimen, alcuni sirventesi e cobbole, quattro compianti e un canto di crociata. In D.v.e. II VI 6 Dante cita la canzone di Aimeric Si com l'arbres, que per sobrecarcar tra gli esempi di testi dotati di quel costrutto sintattico "sapidus, vetustus etiam et excelsus", che conviene allo stile tragico. Petrarca lo ricorda TC IV 55 insieme a Bernart de Ventadorn, Uc de Saint Circ e Gaucelm Faidit. In questo luogo dei Trionfi, tuttavia, il nome di Aimeric risulta aver preso il posto di quello Bertran de Born (1140 ca.- 1215 ca.), che compariva in una lezione anteriore di questo verso ("Bertrando con Bernardo, Ugo e Gauselmo": cfr. Appel 1901, p. 212). L'esclusione di Bertran dal gruppo dei trovatori del Triumphus Cupidinis si deve, probabilmente, al desiderio di Petrarca di evitare il gioco paronomastico Bertrando-Bernardo. Non si può escludere, tuttavia, che ad indurre Petrarca ad effettuare la sostituzione fosse il fatto che Dante in D.v.e. II II 8 aveva citato Aimeric come cantore delle armi e in Inf. XXVIII 118-42, seguendo il racconto del suo antico biografo, lo aveva ritratto piuttosto come politico che come poeta.