Mirko Tavosanis (Storia della lingua italiana)

Sono nato a Karlsruhe (Germania) il 14/9/1968, e attualmente risiedo a Pisa in via Trento, 3 (dopo aver passato circa vent'anni a Viareggio). Nel 1993 mi sono sposato con Laura, e nello stesso anno è nato Andrea - l'altra presenza costante in queste foto.

Per quanto riguarda gli studi, ho conseguito la licenza di maturità classica presso il liceo "Giosuè Carducci" di Viareggio nell'anno scolastico 1985/1986; mi sono laureato in lettere moderne (Storia della lingua italiana) presso l'Università degli Studi di Pisa l'11 novembre 1991, relatore il prof. Mirko Tavoni, con una tesi dal titolo Il linguaggio scientifico di Alessandro Piccolomini e con votazione 110/110 e lode; durante il periodo 1992-1994 ho lavorato alla preparazione per la stampa degli atti del convegno Italia ed Europa nella linguistica del Rinascimento. Confronti e relazioni. /Italy and Europe in Renaissance Linguistics. Comparisons and Relations , tenutosi a Ferrara dal 20 al 24 marzo 1991.

Il 23 gennaio 1993 ho superato l'esame per l'ammissione ai corsi di Dottorato di Ricerca in Studi Italianistici tenuti dalla Facoltà di Lettere dell'Università di Pisa, risultando primo in graduatoria; nel periodo successivo, ho cominciato a lavorare per una tesi di dottorato seguita dal prof. Mirko Tavoni e dal prof. Luca Curti.


Barcellona, primavera 1994

La tesi, col titolo definitivo di Genesi delle Prose della volgar lingua di Pietro Bembo attraverso il manoscritto Vat. lat. 3210, è stata discussa il 21 giugno 1997 da una commissione composta dal prof. Achille Tartaro, dal prof. Elvio Guagnini e dal prof. Sebastiano Martelli. Attualmente la sto rielaborando in vista di una pubblicazione.


Stia, estate 1996

Per portare avanti il lavoro di tesi è stato necessario, tra l'altro, realizzare un'edizione critica della stesura originale delle Prose, destinata a costituire la base di un commento al testo che porta alla luce alcuni debiti non dichiarati di Bembo nei confronti dei suoi immediati predecessori nel campo della grammatica volgare. Sempre in quest'ottica mi sono dedicato anche ad alcuni approfondimenti sulla fortuna editoriale di Boccaccio tra Quattro e Cinquecento, e in particolare ai rapporti tra l'autografo berlinese del Decameron, l'Hamiltoniano 90, e l'editio princeps dell'opera. Un articolo su questo argomento è in corso di stampa per la Nuova rivista di letteratura italiana.

Oltre alla ricerca universitaria, ho svolto anche molti lavori nel campo editoriale, specialmente nel settore della fantascienza e del fumetto e spesso in collaborazione con Fabio Gadducci. Attualmente collaboro con diverse case editrici e testate, tra cui il mensile Kaos e il settimanale Avvenimenti. Una parte dei risultati di queste attività sta formando l'Enciclopedia Digitale della Fantascienza (un lavoro a tempo perso che conduco assieme a Fabio Gadducci e Vittorio Barabino).

E-mail